Nel Museo di Storia Naturale il primo esemplare di una pianta riscoperta in Malesia dopo 150 anni

La Thismia neptunis, singolare pianta tropicale raccolta nel Borneo un secolo e mezzo fa dal botanico fiorentino Odoardo Beccari, è stata ritrovata ai nostri giorni da un team di ricercatori della Repubblica Ceca negli stessi luoghi visitati dal naturalista toscano.
foto da rivista Phytotaxa
foto da rivista Phytotaxa

E’ una misteriosa e fragile piantina. Priva di clorofilla, vive per lo più sottoterra alle spese di alcuni funghi nella foresta pluviale tropicale, da cui trae le sostanze nutritive. La Thismia neptunis fu scoperta per la prima volta 150 anni fa in Malesia dal naturalista e botanico fiorentino Odoardo Beccari (1843-1920) che ne portò un esemplare a Firenze, dove è ancora conservato nella sezione di Botanica del Museo di Storia Naturale dell’Ateneo, unica testimonianza fino ad oggi di questa specie.

La Thismia neptunis disegnata da Beccari - foto Università di Firenze
La Thismia neptunis disegnata da Beccari – foto Università di Firenze

La singolare pianta, simile ad altre presenti nel mondo e chiamate “lanterne delle fate”, è tornata all’attenzione del mondo scientifico perché rintracciata di nuovo nel 2017, dopo un secolo e mezzo, da un team di ricercatori della Repubblica Ceca  in spedizione nel Borneo, praticamente negli stessi luoghi visitati dal naturalista toscano. Ne dà notizia una recente pubblicazione su “Phytotaxa” [Sochor M. et al. “Rediscovery of Thismia neptunis (Thismiaceae) after 151 years”], oggetto anche dell’interesse di numerosi media italiani. Nel lavoro gli studiosi esaltano le capacità investigative di Beccari e i fondamentali contributi alla conoscenza della flora del sud-est asiatico forniti dal naturalista fiorentino, che fra l’altro aveva riprodotto la Thismia neptunis in una bellissima tavola, pubblicata insieme alle sue ricerche sulla rivista “Malesia” nel 1878.

Beccari decise giovanissimo di esplorare le regioni sconosciute del Borneo insieme al marchese genovese Giacomo Doria e con il sostegno del Raja del Sarawak, Sir James Brooke, conosciuto a Londra dove l’avventuroso studioso si era recato per studiare gli erbari di Kew e del British Museum, in previsione del suo viaggio in Malesia, realizzato dal 1865 al 1868.

Il campione essiccato conservato nell'Erbario della Malesia - foto Università di Firenze
Il campione essiccato conservato nell’Erbario della Malesia – foto Università di Firenze

“Nel Borneo – spiega Chiara Nepi, responsabile della sezione di Botanica del Museo di Storia Naturale dell’Ateneo fiorentino – nell’aprile del 1866, sulle pendici del Monte Mattang nel Sarawak, Beccari scopre la fragile Thismia, oggi conservata nel nostro Erbario della Malesia”. Così, lo stesso Beccari tanti anni dopo ricorda quel momento nel suo volume “Nelle foreste di Borneo” pubblicato nel 1902: “…e diverse forme nuove di gracili e trasparenti Thismia…interessantissime per il botanico, sono state la ricompensa delle mie pazienti ricerche, dove la selva era più densa, l’ombra più fitta, il terriccio più ricco”.

“Nell’articolo di Phytotaxa – conclude Nepi – viene anche messo l’accento sulla estrema delicatezza degli ambienti in cui vive questa pianta: quelle foreste tropicali che proprio in Borneo, così come in altre zone di quell’area, sono sempre più minacciate dall’espandersi delle coltivazioni e dello sfruttamento in generale che sicuramente avranno già fatto scomparire tante specie, sia vegetali che animali, prima che l’uomo abbia potuto conoscerle”.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from Duccio Di Bari

Alzheimer, scoperti nuovi geni nel sistema immunitario del cervello implicati nella malattia

Tre nuove varianti genetiche, implicate nello sviluppo o nella protezione dalla patologia...
Leggi di più