Gestione conflitti, progetto fiorentino premiato al Forum PA 2019

Si tratta di "Giustizia semplice 4.0" realizzato con il contributo scientifico del Dipartimento di Scienze giuridiche e del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione
Archivio fotografico 123rf. com - Riproduzione riservata

È stato realizzato, con il contributo scientifico del Dipartimento di Scienze giuridiche e del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, il progetto ‘ Giustizia Semplice 4.0’ che ha vinto il premio PA Sostenibile 2019, nella categoria ‘Giustizia, trasparenza, partenariati’ nell’ambito della manifestazione FORUM PA 2019, il più importante appuntamento nazionale dedicato all’innovazione nella pubblica amministrazione, che si è svolto a Roma nei giorni scorsi. Il progetto è stato presentato dal Tribunale di Firenze, con la presidenza di Marilena Rizzo, che lo ha realizzato con il sostegno di Fondazione CR Firenze e di altri partner pubblici e privati.

I dieci borsisti dell’Ateneo fiorentino che hanno lavorato al progetto Giustizia Semplice 4.0

“Giustizia Semplice 4.0” mira, nelle materie contrattuali e di competenza del Tribunale delle Imprese, ad individuare le cause conciliabili, a supportare il giudice nell’invio delle parti in lite in mediazione e a realizzare un algoritmo predittivo relativamente alla percentuale di possibilità dell’invio in mediazione e di esito della stessa. Sono stati dieci i borsisti dell’Ateneo, coordinati da Paola Lucarelli, docente di Diritto commerciale e di Mediazione dei Conflitti, che hanno lavorato al progetto al fianco dei magistrati: si tratta di Gregorio Albisani, Filippo Bagni, Mattia Capecchi, Lucia Cilla, Cosimo Fossi, Teresa Franza, Bernardo Isoldi, Camilla Macrì, Monica Testi, Noemi Vita.

A distanza di un anno, l’iniziativa ha raggiunto risultati significativi: sono state mandate in mediazione 1.160 cause, la mediazione è stata avviata nel 70% dei casi (a fronte di una media nazionale del 52%) e l’accordo è stato raggiunto nel 55% dei casi nelle controversie contrattuali (a fronte del 36% a livello nazionale). Tutta la documentazione è adesso allo studio degli ingegneri informatici dell’Ateneo fiorentino per la realizzazione dell’algoritmo predittivo.

Parallelamente al progetto “Giustizia Semplice 4.0”, l’Ateneo è impegnato in un’iniziativa analoga con la Corte d’Appello di Firenze finalizzata a sperimentare azioni di risoluzione dei conflitti in sede stragiudiziale. L’attività vede coinvolti quattro giovani laureati fiorentini finanziati dalla Fondazione CR Firenze e dalla stessa Università.

“Il premio – commenta Paola Lucarelli – rappresenta un prezioso riconoscimento all’impegno dell’Ateneo nell’ambito della terza missione e della ricerca universitaria. Con questo progetto siamo orgogliosi di aver portato un contributo in termini di efficienza nella gestione del contenzioso giudiziario e di aver determinato un ulteriore passo avanti nella cultura giuridica e professionale della gestione dei conflitti che garantisca ai cittadini e alle imprese una risposta pienamente soddisfacente, celere e a costi contenuti”.

 


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from Romeo Perrotta

Sette università europee alleate per la sfida della qualità della vita

Nascerà una European University for Well-Being dall'iniziativa di atenei di sette paesi...
Leggi di più