PNRR, Unifi nel Centro Nazionale di Supercalcolo

L’Ateneo partecipa a quattro aree tematiche con 10 dipartimenti e 49 docenti
per gentile concessione di INFN @Pier Paolo Ricci
per gentile concessione di INFN @Pier Paolo Ricci

Anche l’Ateneo fiorentino partecipa al Centro Nazionale di Ricerca in High Performance Computing, Big Data e Quantum Computing, una delle cinque strutture previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), finanziato dall’Unione europea – NextGenerationEU, che conterà sul contributo di 51 partner di tutta Italia, provenienti dai settori pubblico e privato, della ricerca scientifica e dell’industria.

Il Centro, che è stato proposto dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), sarà gestito dalla Fondazione ICSC presieduta da Antonio Zoccoli, presidente dell’Infn, e farà base al Tecnopolo di Bologna, una cittadella dell’innovazione. Uno fra i suoi principali obiettivi è costruire un’infrastruttura distribuita e trasversale che supporti la ricerca scientifica e il mondo produttivo nell’innovazione e digitalizzazione del Paese.

Per la gestione dei big data, fondamentale per affrontare le sfide presenti e future, sono necessarie ingenti risorse di calcolo, lo sviluppo di soluzioni tecnologiche innovative, come i computer quantistici, e di algoritmi e modelli matematici e statistici sempre più avanzati. In questo contesto, il supercalcolo, le simulazioni numeriche, l’intelligenza artificiale, il machine learning, le tecnologie di frontiera sono strumenti essenziali per incentivare sviluppi e scoperte sia del mondo industriale sia di quello della ricerca scientifica.

Il Centro Nazionale di Supercalcolo sarà organizzato secondo il modello Hub e Spoke: l’Hub avrà la responsabilità di validare e gestire i programmi di ricerca, le cui attività verranno elaborate e realizzate dagli Spoke che saranno 10 e cureranno altrettante aree tematiche.

Il Centro conterà su un finanziamento complessivo di quasi 320 milioni di euro; all’Ateneo fiorentino andranno quasi 3 milioni di euro. Unifi, che è presente in tutti e cinque i Centri nazionali previsti dal PNRR, partecipa all’interno del Centro di Supercalcolo a quattro aree tematiche con 10 dipartimenti e 49 docenti, ricercatrici e ricercatori.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from redazione

Coronavirus, il Centro di Spettrometria di Massa in una rete mondiale di laboratori

Ne fanno parte oltre 500 strutture che usano la più diffusa tecnica...
Leggi di più