Come indagare il rischio sismico negli edifici monumentali

Pubblicati sulla rivista scientifica internazionale “Journal of Performance of Constructed Facilities” i risultati del progetto di ricerca RiSEM, finanziato dalla Regione Toscana, che ha coinvolto tre dipartimenti UNIFI ed uno dell’Ateneo senese. Il caso di studio selezionato sono state le torri medioevali di San Gimignano.

Quale metodologia usare per valutare il rischio sismico di edifici monumentali in muratura? Attorno a questo tema – strategico per la conservazione del nostro patrimonio culturale – si è svolto il progetto RiSEM (Seismic Risk of Monumental Buildings) che ha analizzato come caso applicativo la struttura e le caratteristiche dinamiche delle torri medioevali di San Gimignano, incluse dall’UNESCO nella lista del patrimonio culturale mondiale, per definire modelli e simulazioni del comportamento dei monumenti sotto l’azione sismica.

L’obiettivo è stato quello di impiegare e testare metodologie innovative e senza contatto diretto con l’edificio per svolgere delle valutazioni di vulnerabilità di primo livello. In particolare sono state considerate tecniche laser-scanner per il rilievo geometrico, tecniche interferometriche radar per valutare le caratteristiche dinamiche dei monumenti e tecniche GPR per avere una stima della omogeneità della tessitura muraria.

I risultati del progetto – che ha coinvolto i ricercatori del dipartimento di Ingegneria civile e ambientale, in collaborazione con i colleghi dei dipartimenti di Ingegneria dell’Informazione e di Architettura – sono stati pubblicati nel 2017 in forma organica nella Special Collection della rivista “Journal of Performance of Constructed Facilities”, curata da Gianni Bartoli e Michele Betti ed edita dall’American Society of Civil Engineers. La ricerca è stata finanziata dalla Regione Toscana e ha visto la partecipazione anche del dipartimento di Scienze fisiche, della terra e dell’ambiente dell’Università di Siena e del Comune di San Gimignano.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from Duccio Di Bari

Un sistema online di allerta caldo per lavoratori agricoli e non solo

Primi risultati di un progetto europeo a cui partecipa il Dipartimento di...
Leggi di più