Anniversario della Liberazione, Unifi ricorda la “sua” Anna Maria Enriques Agnoletti

Laureata alla facoltà di Lettere e Filosofia, partecipò alla Resistenza e trovò la morte per mano dei nazifascisti. È stata insignita della medaglia d’oro al valor militare
Anna Maria Enriques Agnoletti

Tra i tanti giovani caduti in Toscana durante la Resistenza al nazifascismo, alcuni erano o erano stati studenti dell’Ateneo fiorentino. All’indomani della Liberazione, in tre furono insigniti della medaglia d’oro al valor militare alla memoria. Due erano donne.

È ricordando una di loro, Anna Maria Enriques Agnoletti, che giovedì 25 aprile Unifi ricorda il 79esimo Anniversario della Liberazione. Nata a Bologna nel 1907, Anna Maria si iscrisse alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Ateneo fiorentino. Costretta a lasciare il suo impiego presso l’Archivio di Stato di Firenze in quanto figlia di padre ebreo, riuscì a ritrovare un impiego presso la Biblioteca Apostolica Vaticana. A Roma, Anna Maria aderì al primo nucleo Cristiano sociale, assumendo un ruolo da protagonista nell’elaborazione del pensiero e nella propaganda attiva, fino a entrare nella Resistenza.

Dopo l’8 settembre 1943 tornò a Firenze, dove fornì documenti falsi a molti ebrei che poterono così mettersi in salvo. Il 15 maggio 1944, tradita da un delatore, fu arrestata dai nazifascisti. Dopo le torture subite a Villa Triste, il 12 giugno venne portata nei boschi di Cercina e uccisa insieme ai membri di radio CoRa.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from Giovanni Gaeta

Riscaldamento globale e tropicalizzazione del Mar Mediterraneo

Il Dipartimento di Scienze della Terra ha partecipato a un progetto finanziato...
Leggi di più