I medievisti polacchi premiano Guido Vannini

Per aver rinsaldato il rapporto di collaborazione scientifica tra le scuole archeologiche medieviste italiana e polacca
La medaglia Lux et Laus

Riconoscimento internazionale a un docente dell’Ateneo fiorentino. Guido Vannini, docente di Archeologia cristiana e medievale, è stato insignito della medaglia “Lux et Laus” per “meriti eccezionali nella ricerca sul Medioevo” dal Comitato permanente dei medievisti polacchi (composto da storici, archeologi, storici dell’arte), espressione delle Università e dell’Accademia delle Scienze (PAN).

Il riconoscimento è stato assegnato il 20 settembre, a Breslavia, in occasione del sesto congresso dei medievisti polacchi. Per l’occasione Vannini terrà una conferenza su “Archeologia viva” in relazione agli studi del Medioevo e alla loro divulgazione.

Il premio, consistente in una medaglia di bronzo, prevede una sezione nazionale e una internazionale. In passato sono stati insigniti del riconoscimento studiosi come Jacques Le Goff, Lech Leciejewicz, Philippe Contamine, Henryk Samsonowicz, Karol Modzelewski. Per la prima volta “Lux et laus” è attribuito a un italiano.

Pavimento con lastra degli oranti datata al 1175 nella collegiata romanica di Wislica

Vannini si è adoperato negli ultimi anni per rinsaldare un rapporto di collaborazione scientifica tra le scuole archeologiche medieviste italiana e polacca. Da questo impegno sono scaturiti accordi in ambito storico archeologico con la PAN (istituto centrale di Varsavia, Breslavia e Danzica), alcuni progetti (come a Semifonte e a Sandomierz) e con la missione fiorentina in Giordania, a Shawbak (in foto), che ha portato l’attivazione di un missione polacca nella città di Petra a cura dell’Università Jagellonica.

Castello di Shawbak in Giordania
Castello di Shawbak in Giordania

 

L’attività svolta da Vannini ha, infine, favorito l’introduzione di approcci metodologici specifici in realtà accademiche tra cui il Politecnico di Cracovia.

Le missioni polacche che hanno avviato programmi in Giordania, in collaborazione con l’Ateneo fiorentino, parteciperanno, per la prima volta, all’International Conference on the History and Archaeology of Jordan, in programma a Firenze dal 21 al 25 gennaio 2019


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from Romeo Perrotta

L’inquinamento da particolato in 5 città europee

Coordinato da ricercatori del Dipartimento di Fisica e Astronomia e del Dipartimento...
Leggi di più