Il segreto di George il solitario

Le tartarughe giganti vivono molto a lungo e sono un modello eccellente per studiare le caratteristiche della longevità, ma le informazioni sull'evoluzione del loro genoma sono scarse. Un team internazionale ha decodificato quello di un esemplare molto particolare.
tartaruga gigante delle Galapagos
una tartaruga gigante delle Galapagos

Solitario e vecchissimo, Lonesome George, ultimo esemplare delle tartarughe giganti dell’isola di Pinta nelle Galápagos, ha lasciato nel suo patrimonio genetico indizi per decifrare il segreto della longevità. Lo svela sulla rivista Nature Ecology & Evolution il team internazionale, di cui fa parte Claudio Ciofi, che ha studiato il genoma delle tartarughe giganti alla ricerca dei tratti distintivi della longevità e delle malattie legate all’età.

I ricercatori – guidati da Carlos López-Otín, dell’Università di Oviedo in Spagna, e Adalgisa Caccone della Yale University – hanno sequenziato gli interi genomi di Lonesome George (morto nel 2012 a un età di oltre 100 anni, secondo le stime degli scienziati) e di una tartaruga gigante di Aldabra, unica specie vivente dell’oceano Indiano, per individuare i geni potenzialmente associati allo sviluppo delle dimensioni corporee e alla longevità di questi animali, oltre che a un minor rischio di contrarre tumori.

“Confrontandoli con genomi di specie affini – spiega Ciofi, docente di Ecologia del Dipartimento di Biologia – abbiamo rilevato un meccanismo di selezione positiva e di espansione di famiglie di geni associate alla regolazione del metabolismo e alle risposte immunitarie, probabilmente legati alle dimensioni eccezionali di queste tartarughe”.

Il team ha individuato varianti geniche che sono coinvolte nella durata della vita delle tartarughe giganti, aprendo così nuove potenziali linee di ricerca sul fenomeno dell’invecchiamento degli organismi. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che nel genoma delle tartarughe sono presenti alterazioni specifiche di alcuni soppressori tumorali, in particolare di due geni la cui sovraespressione è nota come causa dell’insorgenza dei tumori.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

More from Silvia D'Addario

Medicina, nuove evidenze sul danno renale acuto

Lo studio pubblicato su Nature Communications da un team dell’Università di Firenze...
Leggi di più