L’irrigazione dei campi nel 2050

Il ricorso alle acque reflue per l'agricoltura con tecniche innovative è al centro di un progetto europeo coordinato dall'Ateneo fiorentino
Archivio fotografico 123rf.com - Riproduzione riservata

E’ coordinato dall’Ateneo fiorentino il progetto europeo SECUREFOOD2050 che mira a studiare l’effetto delle condizioni climatiche previste per il 2050 sulle filiere agricole e a mitigare l’impatto dei cambiamenti climatici utilizzando tecnologie innovative.

Più in particolare, il progetto propone di impiegare le acque di scarico per l’irrigazione attraverso la depurazione integrata con una parziale filtrazione a base di carbone vegetale (biochar) e fosse settiche – vasche interrate utilizzate per il trattamento di acque reflue – in cui vengono inseriti ceppi batterici selezionati.

SECUREFOOD2050 si prefigge di ridurre lo sfruttamento dell’acqua e del suolo studiando sistemi di coltivazione assistiti dall’uso di biochar agricolo (prodotto dal riciclo di biomasse legnose di scarto) e sistemi aeroponici, come tecniche innovative di agricoltura fuori suolo per la produzione di fragole e rucola.

Gli esperimenti saranno condotti considerando le attuali condizioni climatiche e lo scenario previsto nel 2050. Saranno monitorati la sicurezza e la qualità dei prodotti alimentari, tenendo conto di un ampio spettro di contaminanti caratterizzati da diverse proprietà chimico-fisiche e la loro capacità di diffondersi lungo la filiera agricola. Il progetto punterà inoltre a superare le resistenze tra gli agricoltori a impiegare acque di scarico per l’irrigazione del terreno e a promuovere il consumo a tavola dei prodotti ottenuti.

I risultati di SECUREFOOD2050 saranno integrati con un’analisi di sostenibilità relativa ai materiali e alle risorse utilizzate con le diverse tecniche di coltivazione applicate nei diversi scenari climatico-ambientali, ricavando in tal modo una valutazione complessiva in relazione ai prodotti alimentari.

 


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from Romeo Perrotta

La ricerca Unifi nei due più grandi studi sul Dna antico

Le due più grandi ricerche sul Dna antico portano anche la firma...
Leggi di più