Sviluppato anticorpo che neutralizza due proteine nei tumori

Studio del Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica pubblicato dalla rivista scientifica internazionale Molecular Cancer Therapeutics
Archivio fotografico 123rf.com - Riproduzione riservata

Un team di ricerca del Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell’Ateneo fiorentino ha sviluppato un anticorpo in grado di riconoscere e neutralizzare due proteine che risultano legate tra loro nei tessuti tumorali, senza risultare dannoso per le cellule cardiache.

Lo studio è stato da poco pubblicato sulla rivista Molecular Cancer Therapeutics della collana AACR (American Association for Cancer Research) in un articolo dal titolo “Harnessing the hERG1/β1 integrin complex via a novel bispecific single-chain antibody: an effective strategy against solid cancers” (DOI: 10.1158/1535-7163.MCT-20-1111). Al lavoro hanno collaborato anche alcuni studiosi dell’Università di Pavia.

“I canali ionici sono proteine che partecipano a molti processi fisiologici, ma è ormai noto come questi ultimi siano coinvolti anche in molteplici aspetti della progressione tumorale – spiega Claudia Duranti, giovane studiosa del team di Annarosa Arcangeli –. Da una precedente ricerca avevamo scoperto che un particolare canale del potassio, l’ hERG1, coinvolto a livello cellulare soprattutto nel tessuto cardiaco, è espresso nelle cellule tumorali insieme a un’altra proteina (l’integrina β1).

Da questo stadio ha preso le mosse la caratterizzazione del nostro anticorpo. Ne abbiamo prima sperimentato la capacità di individuare, contemporaneamente e in maniera selettiva, i due antigeni. A seguire – prosegue Duranti – ne abbiamo verificato l’efficacia su modelli tumorali in vitro ed in vivo di carcinoma del colon e adenocarcinoma duttale del pancreas, dove ha dimostrato di ridurre la proliferazione e la crescita tumorale. L’anticorpo congela gli antigeni senza indurre alterazioni potenzialmente dannose a livello cardiaco. Per questo insieme di ragioni, dopo un’opportuna validazione preclinica, il risultato della nostra ricerca si configura come potenziale nuovo farmaco antitumorale”.

L’anticorpo è inoltre tutelato da un brevetto Unifi del 2017, valorizzato grazie alla licenza concessa allo spin off dell’Ateneo fiorentino MCK Therapeutics.

Lo studio è stato condotto grazie ai finanziamenti AIRC Investigator Grant 21510 “Targeting the tumour antigen “hERG1/ β1 integrin to control cancer metastasis”, PRIN (MIUR) “Leveraging basic knowledge of ion channel network in cancer for innovative therapeutic strategies (LIONESS)” assegnati ad Annarosa Arcangeli e grazie all’AIRC fellowship for Italy “Francesco Tonni” riconosciuto a Claudia Duranti.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from Romeo Perrotta

Sostenibilità, dottoranda di Architettura tra le stelle emergenti del nuovo Bauhaus europeo

La giovane studiosa fiorentina ha elaborato un progetto sulla ricostruzione sociale post...
Leggi di più