Green cities, coltivare le città

Domenica 13 gennaio 2019, per il ciclo “Incontri con la città”, Anna Dalla Marta e Ada Baldi affrontano il fenomeno dell'agricoltura urbana, che risponde a vari fattori di vulnerabilità della nostra società.
Archivio fotografico 123rf.com - Riproduzione riservata
Archivio fotografico 123rf.com - Riproduzione riservata

L’agricoltura urbana si può definire come la pratica di coltivare (o allevare) all’interno delle città a fini alimentari. A differenza dell’agricoltura rurale, quella urbana interagisce con un sistema ecologico, sociale e strutturale completamente diverso e assai più complesso. Non si parla più di agricoltori ma di cittadini, non si parla di politiche agricole ma di pianificazione urbanistica, non si parla di grandi coltivazioni ma di terreni confinati, spesso condivisi, molte volte marginali o di recupero da utilizzi precedenti (spesso industriali).

L’agricoltura urbana porta numerosi benefici alla città, in fondo nasce come strategia adattativa in risposta a tutta una serie di fattori di vulnerabilità della nostra società: abbandono delle campagne, urbanizzazione e cementificazione, consumo di suolo, globalizzazione dei sistemi agroalimentari, isolamento sociale, cambiamenti climatici. In questi termini, l’agricoltura urbana si può considerare come un elemento importante per la resilienza delle città moderne.

Questo aspetto è stato già recepito da molte amministrazioni regionali che sostengono e promuovono la realizzazione o il recupero di orti urbani e ne disciplinano l’utilizzo. Esempio virtuoso è l’iniziativa “Centomila orti in Toscana”, promossa dalla Regione Toscana, che rivisita il concetto di orto urbano come luogo non solo dedicato alla produzione orticola o floreale, ma anche come occasione di aggregazione sociale, confronto e scambio culturale.

Tuttavia, urbana o rurale che sia, l’agricoltura per essere produttiva ha bisogno di utilizzare risorse naturali. Quelle principali, acqua e suolo, in città scarseggiano (sia in quantità che in qualità) e la competizione per il loro utilizzo è altissima. Per essere sostenibile l’agricoltura urbana deve dotarsi dei mezzi tecnici e delle conoscenze agronomiche necessari per preservare le risorse, produrre cibo salubre e di buona qualità. Siamo in grado di farlo? Unifi sta provando a rispondere a questo quesito attraverso la progettazione dell’orto sostenibile.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from redazione

Delegazione dall’Afghanistan nell’ambito della cooperazione Unifi

In occasione della nuova edizione del master in Urban Analysis, in lingua...
Leggi di più