Carcinomi mammari, come colpire il metabolismo lipidico anomalo

Pubblicato su Embo Molecular Medicine studio su un particolare tipo di tumore della mammella, ancora difficile da curare. La ricerca, guidata da Unifi, è sostenuta da Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro, Fondazione CR Firenze e Associazione Annastaccatolisa ODV.
Archivio fotografico 123rf.com - Riproduzione riservata
Archivio fotografico 123rf.com - Riproduzione riservata

Un particolare tipo di tumore della mammella, il carcinoma mammario triplo negativo, colpisce pazienti che non esprimono i recettori ormonali sulle cellule tumorali. La malattia è pertanto indipendente dagli effetti di tali molecole e anche per questo ha limitate opzioni terapeutiche al di fuori della chemioterapia e una forte tendenza a dare recidive e metastasi.

 

Un gruppo di ricerca dell’Università di Firenze, guidato da Andrea Morandi, ha individuato una maggiore concentrazione di acidi grassi polinsaturi nelle cellule più aggressive di questo tipo di tumore. Gli scienziati hanno pensato di sfruttare il metabolismo lipidico anomalo del tumore quale bersaglio per nuovi trattamenti, oltre che per individuare marcatori diagnostici innovativi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Embo Molecular Medicine in un articolo dal titolo “FADS1/2 control lipid metabolism and ferroptosis suscepibility in triple-negative breast cancer”. La ricerca ha ricevuto il contributo di Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro, della Fondazione CR Firenze e dell’Associazione Annastaccatolisa ODV. Questi enti hanno anche sostenuto il lavoro delle giovani ricercatrici Nicla Lorito e Angela Subbiani, prime firmatarie dell’articolo, con due borse di studio.

 

“Un sottogruppo di questi carcinomi con prognosi peggiore mostra alti livelli degli enzimi FADS1 e FADS2, coinvolti nella produzione di acidi grassi polinsaturi – spiega il coordinatore della ricerca Andrea Morandi, docente di Biochimica presso il Dipartimento di Scienze Biomediche Sperimentali e Cliniche dell’Università di Firenze -. Le cellule tumorali che contengono una maggiore concentrazione di acidi grassi polinsaturi sono più vulnerabili alla ferroptosi, una particolare forma di morte cellulare. La ferroptosi può essere innescata da farmaci che finora hanno dimostrato una certa efficacia in modelli preclinici, ma che necessitano di ulteriori sviluppi e di sperimentazioni prima di poter essere utilizzati nei pazienti”.

 

I risultati dello studio – che ha coinvolto i ricercatori della Breast Unit dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze, supportati da Fondazione Radioterapia Oncologica – hanno in particolare dimostrato che è possibile influenzare la sensibilità delle cellule tumorali alla ferroptosi e favorirne così la morte. L’effetto desiderato si ottiene interferendo con gli enzimi FADS1 e FADS2 o abbassando la concentrazione dei lipidi polinsaturi all’interno della cellula. “Auspichiamo – commenta ancora Morandi che i problemi di tossicità legati ai farmaci in grado di indurre la ferroptosi siano quanto prima superati. Solo successivamente si potrà passare a studi clinici che possano valutare la sicurezza e l’efficacia di questi farmaci sfruttando la vulnerabilità metabolica dei tumori più aggressivi”.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

More from Laura Michelacci

Nuove città per il dopo Covid-19

La pandemia comporterà un ripensamento dei centri urbani, così come li conosciamo....
Leggi di più