Le coppie al tempo della pandemia

Uno studio, curato da urologi e ginecologi fiorentini insieme all’Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, indaga l’impatto del lockdown sulle coppie italiane in età riproduttiva e sul loro desiderio di genitorialità. Ne parliamo con il ricercatore Gianmartin Cito.
Archivio fotografico 123rf.com - Riproduzione riservata
Archivio fotografico 123rf.com - Riproduzione riservata

La pandemia sembra avere pregiudicato fortemente il benessere delle coppie, influenzandone in negativo il desiderio di genitorialità. E’ quanto risulta da uno studio pubblicato sul “Journal of Psychosomatic Obstetrics & Ginecology”, a cura di un gruppo di urologi e ginecologi dell’Ateneo e dell’ Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, insieme a ricercatori di Como e Catania (“Desire of parenthood at the time of COVID-19 pandemic: an insight into  the Italian situation” https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/0167482X.2020.1759545). Del team fanno parte, oltre a Gianmartin Cito, Elisabetta Micelli, Andrea Cocci, Andrea Minervini, Marco Carini, Alessandro Natali e Maria Elisabetta Coccia.

Che strumento di indagine avete usato e con quale campione di riferimento, dott. Cito?

Abbiamo condotto lo studio tramite un sondaggio, diffuso tramite chat e social network . Sono stati coinvolti 1482 italiani, 944 donne (63,7%) e 538 uomini (36,3%) , di età compresa tra i 18 e i 46 anni e con una relazione stabile (almeno un anno). L’indagine è stata condotta tra il 23 e il 29 marzo scorso.

Che quadro restituiscono i dati raccolti?

Al tempo della pandemia e durante la quarantena non sembra affermarsi il desiderio di fare figli, anche se ovviamente il riscontro lo avremo all’inizio del prossimo anno. Oltre l’80% degli intervistati, che già prima dell’avvento del Coronavirus non desiderava avere figli, non ha cambiato idea col lockdown.

E gli altri?

Del 18,1% dei partecipanti che stava pianificando di avere un figlio prima della pandemia, il 37,3% ha abbandonato il proposito, principalmente a causa delle preoccupazioni di future difficoltà economiche o delle possibili conseguenze del virus sulla gravidanza. Considerando le età degli intervistati, possiamo aggiungere che il desiderio di genitorialità è più diffuso nelle età avanzate, sia prima che durante la pandemia.

Rispetto a questo panorama, fortemente condizionato dalla crisi globale, esistono segnali in controtendenza?

Sì, l’11,5% di coloro che si erano dichiarati non intenzionati a procreare prima della pandemia, ha rivelato la comparsa del desiderio di genitorialità durante la quarantena, legato alla volontà di cambiamento o alla necessità di positività. Ma solo il 4,3% di questi ultimi ha concretamente tentato il concepimento. Più in generale, i dati rivelano quanto pesi l’emergenza sul benessere psicologico, aspetto fondamentale per ripartire. E questo non riguarda solo il tasso di natalità, ma l’intero Paese.

 


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from Duccio Di Bari

In Ateneo nasce la Commissione di certificazione dei contratti di lavoro

Svolgerà anche funzioni di consulenza e assistenza alle parti contrattuali.
Leggi di più