Matematica, assegnato il premio Riccardo Ricci 2018

Al Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” di Firenze per aver realizzato un apparecchio con i mattoncini Lego in grado di risolvere equazioni algebriche di secondo e terzo grado
Nella foto le classi vincitrici (1D, 1E e 1G del Liceo Scientifico "Leonardo da Vinci") con le due insegnanti Luisa Marini (in pedi a destra) e Lilia Rosati (in basso), e la vedova del professor Riccardo Ricci, Annick Magnier (in piedi a sinistra).

Il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” di Firenze si è aggiudicato la terza edizione del premio Laboratorio Matematico intitolato a “Riccardo Ricci”. La proclamazione è avvenuta nel corso di una cerimonia che si è svolta presso il Dipartimento di Matematica e Informatica (DIMAI), al termine della presentazione dei progetti finalisti elaborati da scuole secondarie superiori della Toscana.

Il progetto vincitore L’apparecchio di Lill, elaborato con i mattoncini Lego dalle classi 1D, 1E e 1G sotto la guida delle professoresse Luisa Martini e Lilia Rosati, è in grado di risolvere equazioni algebriche di secondo e terzo grado. Il secondo premio è andato all’Istituto “Chino Chini” di Borgo San Lorenzo con il progetto Al posto giusto (un calcolatore di logaritmi). I premi, rispettivamente di 1000 e 500 euro, sono stati offerti dalla Fondazione Marchi.

Gli altri istituti finalisti sono stati  il “Ferraris-Brunelleschi” di Empoli, il “Galileo Galilei” di Livorno e Il “Giorgio Vasari” di Figline Valdarno.

Nato con  l’obiettivo di stimolare la progettazione e realizzazione di un oggetto da utilizzare a supporto dell’insegnamento della matematica, il Premio è stato indetto per ricordare l’impegno di Riccardo Ricci, docente di Fisica matematica dell’Ateneo, nel campo della formazione e della divulgazione della matematica.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from Romeo Perrotta

Danni al nervo ottico da sclerosi multipla, passi avanti per una terapia

Uno studio di recente pubblicazione riporta una delle prime dimostrazioni sperimentali che...
Leggi di più