All’alba dell’Universo

Stefania Salvadori, ricercatrice del Dipartimento di Fisica e Astronomia, ha ricevuto uno starting grant dall'European Research Council per un progetto sull'origine delle stelle e delle galassie
Diritto d'autore: titonz / 123RF Archivio Fotografico

Come erano fatte le prime stelle e come si sono formate le galassie alle origini dell’Universo, 13 miliardi di anni fa? Sono gli interrogativi su cui indagherà Stefania Salvadori, ricercatrice del Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze, vincitrice di uno starting grant dell’European Research Council (ERC) per il progetto NEFERTITI (NEar-FiEld cosmology: ReTracing Invisible TImes).

“Dopo il Big Bang l’Universo era un mare oscuro di idrogeno e di elio – racconta Salvadori -, fino a quando non si è raffreddato e si sono formate le prime stelle e le galassie che sono progenitrici di quelle che vediamo adesso. Ma fossili di quelle antichissime stelle – prosegue la ricercatrice – rimangono ancora nell’alone ai confini della nostra galassia e nelle piccole galassie che le gravitano attorno”.

Durante il progetto – finanziato da ERC con circa 1,2 milioni di euro, della durata di 5 anni – il futuro team formato da Salvadori si occuperà dell’osservazione astronomica alla ricerca dei resti delle antiche stelle e della definizione di un modello teorico che permetta di ricostruire in modo sempre più accurato le proprietà e l’evoluzione di questi primi corpi celesti.

Trentanove anni, laureata a Firenze, Salvadori ha svolto ricerche al Kapteyn Astronomical Institute dell’Università di Groningen (Olanda) e all’Osservatorio di Parigi prima di tornare nell’Ateneo fiorentino nel 2017 grazie al programma Rita Levi Montalcini.

“Sfruttando i nostri modelli selezioneremo i migliori candidati stellari e osserveremo i rari fossili con spettroscopia ad alta risoluzione – spiega Salvadori -. Ricaveremo così indicazioni sulla composizione chimica delle tracce lasciate dalle stelle formatesi nel primo miliardo di anni di vita dell’Universo. Interpretando queste nuove osservazioni con i nostri modelli – conclude la ricercatrice – otterremo informazioni uniche sulla massa e sulle proprietà delle prime stelle, che ci aiuteranno a capire come sono nate le prime galassie”.

Sono otto complessivamente i progetti coordinati da ricercatori dell’Università di Firenze che sono stati finanziati in questi anni dall’European Research Council. (leggi di più)

 

 


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

More from Silvia D'Addario

Caduta dei gravi, l’esperimento di Galileo funziona anche per un sistema quantistico

Il primo test sperimentale realizzato nei laboratori dell'Università di Firenze in collaborazione...
Leggi di più