Keep in touch, not too much, #iorestoacasa diventa una sfida creativa

Il Didacommunicationlab lancia una serie di call su Instagram per condividere idee creative e realizzare un'opera collettiva virtuale, per rafforzare i legami e suscitare il confronto, malgrado la distanza.

La creatività non va in quarantena. Per trasformare #iorestoacasa in una stimolante sfida espressiva a colpi di foto, video, illustrazioni, graffiti, il laboratorio di Comunicazione del Dipartimento di Architettura, Didacommunicationlab, ha ideato un Instagram contest, “Keep in touch, not to much!”.

I destinatari dell’iniziativa sono designer, artisti, grafici, fotografi, illustratori che sono chiamati a sviluppare un elaborato con una tecnica a scelta, rispondendo di settimana in settimana a una delle call del concorso. La prima call, lo scorso 19 marzo, ha ripreso il titolo del contest e ha avuto un riscontro significativo da parte degli studenti e dei ricercatori Unifi di Architettura, ma anche di giovani professionisti del settore. La seconda, dal titolo “Home stay home”,  avrà come termine domenica 29 marzo.

Di volta in volta, le proposte dei partecipanti vengono valutate da una giuria del Didacommunicationlab in base all’attinenza al tema della call, al valore sociale, alla qualità tecnica, all’originalità e alla capacità emozionale e diventano, ogni settimana, oggetto dei post Instagram sul profilo @keepintouchnottoomuch (nella fotogallery i cinque lavori selezionati a conclusione della prima call).

“L’obiettivo di questa iniziativa – spiegano gli organizzatori – è di affrontare questa quarantena come un’occasione per rafforzare i legami e trovare stimoli per il confronto. I partecipanti al contest con i loro prodotti contribuiscono a realizzare una grande opera collettiva virtuale che ci unisce anche a distanza”.

Regolamento e maggiori informazioni sul contest sui profili Instagram @didacommunicationlab e @keepintouchnottoomuch


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from Romeo Perrotta

Anna Maria Papini nel Consiglio della American Peptide Society

La docente fiorentina resterà in carica sei anni nella società scientifica impegnata...
Leggi di più