A Roberta Sessoli il Centenary Prize della Royal Society of Chemistry

Il prestigioso riconoscimento internazionale della società scientifica britannica, per gli studi pionieristici alla frontiera fra chimica e fisica.
Roberta Sessoli

Un premio alle ricerche di rilevanza mondiale sul magnetismo molecolare. Roberta Sessoli, docente di Chimica generale e inorganica del Dipartimento di Chimica “Ugo Schiff”, ha vinto il Centenary Prize 2019 della Royal Society of Chemistry.

Il prestigioso riconoscimento internazionale viene assegnato ogni anno agli scienziati che hanno contribuito, con l’originalità e l’impatto dei propri studi, al progresso delle scienze chimiche, sia in ambito industriale che formativo.

Roberta Sessoli insieme all’assegnista di ricerca Giulia Serrano, nel laboratorio per la preparazione e caratterizzazione di superfici e nanostrutture ibride, realizzato grazie a finanziamenti dell’European Research Council e della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze

Gli studi di Sessoli, alla frontiera fra chimica e fisica, si concentrano sulla progettazione e sulla caratterizzazione di materiali magnetici molecolari. In particolare, la società scientifica britannica ha premiato i lavori pionieristici della ricercatrice sulla bistabilità magnetica e sull’effetto memoria delle molecole che si comportano come piccoli magneti con proprietà quantistiche e che per questo sono d’interesse per lo sviluppo di tecnologie quantistiche.

Il riconoscimento, consistente in un premio in denaro e una medaglia, le verrà consegnato in occasione di un ciclo di lecture che la ricercatrice fiorentina terrà nei prossimi mesi in Gran Bretagna.

La Royal Society of Chemistry – fondata a Londra nel 1841 – è la società scientifica che si occupa dell’avanzamento delle scienze chimiche e conta oltre 50.000 affiliati in tutto il mondo. Dall’istituzione del premio, nel 1949, il riconoscimento della società scientifica britannica è andato 3 volte a un ricercatore italiano in precedenza.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

More from Silvia D'Addario

Biocarburanti per gli aerei europei

E' partito ufficialmente il progetto coordinato da RE-CORD, il Consorzio per la...
Leggi di più