Cambiamenti climatici e biodiversità delle farfalle

Lo studio di un team del Dipartimento di Biologia pubblicato su Molecular Ecology Resources dimostra che i cambiamenti climatici del passato hanno determinato buona parte della variabilità genetica della farfalle europee. E lo faranno anche in futuro.

Ricostruita la prima mappa zoogeografica della diversità genetica della farfalle europee, che ricalca a grandi linee la carta politica dell’Europa occidentale. E’ il risultato della ricerca condotta dal team del Dipartimento di Biologia guidato da Leonardo Dapporto e pubblicata sulla rivista scientifica Molecular Ecology Resources. Lo studio mostra come le linee genetiche delle farfalle tendano a differenziarsi tra regioni diverse confinate dai cambiamenti climatici e da quelle stesse barriere naturali che hanno limitato gli spostamenti delle popolazione umane.

“Esiste una branca della scienza, la filogeografia, che studia come si originano e come si distribuiscono geograficamente le diverse varianti genetiche – spiega Dapporto -. Gli studiosi ipotizzano che gran parte di queste distribuzioni sia stata determinata dai grandi cambiamenti climatici del passato, soprattutto dai cicli glaciali e interglaciali del Pleistocene, ma verificarlo è molto difficile, soprattutto per la mancanza di una mole sufficientemente ampia di dati per interi gruppi animali”.

I ricercatori hanno creato un raccolta di dati di tutte le 300 farfalle che vivono nell’Europa occidentale per un totale di circa 15.000 sequenze di DNA mitocondriale. Grazie a queste sequenze hanno tracciato la prima mappa della diversità genetica delle farfalle europee che conferma il ruolo delle barriere geografiche (come le Alpi, i Pirenei e i bracci di mare) nella diversificazione delle popolazioni delle farfalle.

“Conoscere le dinamiche della biodiversità, compresa la distribuzione spaziale della diversità genetica – commenta il ricercatore-, è fondamentale per prevedere le risposte ai cambiamenti ambientali e per mettere in atto misure di conservazione efficaci”.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

More from Silvia D'Addario

Mappato il genoma di un batterio green

Analizzato l'intero genoma di un batterio simbionte delle leguminose, in grado di...
Leggi di più