Liroman, un laboratorio congiunto per il monitoraggio ambientale

Nasce dalla collaborazione tra due dipartimenti dell'Ateneo e ha come partner due aziende. Il responsabile scientifico è Riccardo Gori, docente di Ingegneria Sanitaria Ambientale

Ha sede presso il PIN di Prato il nuovo laboratorio congiunto, frutto della partnership di due dipartimenti dell’Università di Firenze: Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale e Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica, con due aziende private, SRA Instruments S.p.a. e Chromline S.r.l.

Il responsabile scientifico del Laboratorio – Riccardo Gori, docente di Ingegneria Sanitaria Ambientale – spiega che il Laboratorio è attivo nell’ambito delle indagini ambientali e tossicologiche finalizzate alla valutazione e prevenzione, attraverso sistemi di campionamento ed analisi, del rischio chimico e cancerogeno.

Il Laboratorio si rivolge principalmente alle imprese che svolgono servizi di pubblica utilità ogni qualvolta vi sia la necessità di effettuare attività di monitoraggio di matrici solide, liquide e gassose, come nel caso della raccolta e smaltimento dei rifiuti.

“I campi di applicazione di queste ricerche – specifica Gori – sono innumerevoli ed oltre alle attività di ricerca, il laboratorio si propone come veicolo per favorire la partecipazione dei soggetti coinvolti a bandi di finanziamento competitivi a livello locale, regionale, nazionale ed internazionale”.


COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

More from Alessandra Marilli

Dalle Ande all’Italia: la quinoa nostrana si chiama “Quipu”

Si tratta di una varietà coltivata in provincia di Arezzo e studiata...
Leggi di più