Nuove prospettive terapeutiche per un gruppo di malattie del rene

Uno studio congiunto Unifi-Meyer mette in evidenza che meccanismi legati alla glomerulonefrite sono simili ad alcune malattie del sangue.
Archivio fotografico 123rf.com - riproduzione riservata
Archivio fotografico 123rf.com - riproduzione riservata

Un team di ricerca Meyer-Unifi dimostra per la prima volta che alcune gravi forme di glomerulonefrite, un gruppo di malattie frequenti che affliggono il rene e possono portare alla necessità della dialisi o del trapianto, sono causate da meccanismi simili a quelli di alcune malattie del sangue e potrebbero pertanto essere curate con farmaci usati per curare queste patologie. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine che gli dedica la copertina.

Le glomerulonefriti sono malattie infiammatorie del rene che affliggono da 2 a 10 persone ogni 100, a seconda delle diverse età, dai bambini agli adulti. Sono fra le cause più frequenti di insufficienza renale terminale (oltre un quinto dei casi che richiedono dialisi o trapianto).

Uno studio della Nefrologia dell’Ospedale Meyer e dell’Università degli Studi di Firenze – coordinato da Paola Romagnani e Laura Lasagni e svolto soprattutto da Maria Elena Melica – stabilisce per la prima volta che alcune forme di glomerulonefrite derivano, in maniera simile ad alcune malattie del sangue, dalla proliferazione abnorme di singole cellule staminali (cloni) che generano nel rene delle lesioni denominate “semilune”. L’utilizzo di farmaci già usati per curare alcune malattie del sangue blocca la formazione delle “semilune” e le converte in cellule renali mature, perfettamente funzionanti, aprendo la strada a nuove possibilità terapeutiche per queste gravi malattie.

Lo studio inoltre suggerisce che l’espansione di un particolare sottotipo di cellule staminali renali nelle “semilune” nelle biopsie di pazienti affetti da glomerulonefrite è associato alla malattia renale allo stadio terminale, un’informazione che può essere utile per meglio diagnosticare queste malattie e prevedere la loro prognosi.

Lo studio è stato finanziato dalla Regione Toscana e dall’European Research Council. Maria Elena Melica è titolare di una borsa di studio dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro.

[Fonte: Ufficio stampa AOU Meyer]

COPYRIGHT: © 2017 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE.
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo post sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribution ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0).

Written By
More from redazione

Ripensare la prognosi delle malattie del sangue

La mutuazione del gene che codifica la proteina TP53 non implica sempre...
Leggi di più